Calcola quando fare il test di gravidanza per ottenere il risultato più attendibile

    Se pensi di poter essere incinta, probabilmente sei tentata di fare subito il test. Ma dopo quanto tempo si può fare un test di gravidanza? Scopri cosa rileva il test di gravidanza precoce e quando farlo con il calcolatore per test di gravidanza di Flo. 

    Pubblicato il 14 giugno 2023
    Revisione medica di Dottoressa Jennifer Boyle, Specialista in ginecologia e ostetricia, Massachusetts General Hospital, Massachusetts, Stati Uniti
    Ultime mestruazioni
    Data del concepimento

    Secondo l’American College of Obstetricians and Gynecologists, la durata del ciclo mestruale è normale quando è compresa nell’intervallo da 21 a 35 giorni. Se i tuoi cicli durano in media meno di 21 giorni o più di 35 giorni, non siamo in grado di calcolare la data stimata dell’ovulazione perché le tue ovulazioni potrebbero non essere regolari. Parlane con il tuo medico per saperne di più.

    Non raccogliamo, elaboriamo o archiviamo i dati inseriti durante l’utilizzo di questo strumento. Tutti i calcoli vengono eseguiti esclusivamente nel tuo browser e non abbiamo accesso ai risultati. Tutti i dati saranno cancellati in modo definitivo una volta lasciata o chiusa la pagina.

    Primo giorno utile per fare il test
    Ricomincia

    Che tu stia cercando o meno di concepire, il tempo che separa il momento in cui pensi di poter essere incinta dal momento della certezza (quell’attesa di circa due settimane) può essere molto stressante. L’incertezza non piace a nessuno. Magari pensi di essere incinta ancor prima di avere il fatidico ritardo. Dopo quanti giorni si può fare il test di gravidanza? 

    Capire quando si può fare un test di gravidanza per ottenere un risultato attendibile implica un periodo di attesa. Secondo le linee guida, si dovrebbe aspettare fino al primo giorno di ritardo delle mestruazioni prima di andare ad acquistare il test. Tuttavia, alcuni test di gravidanza precoci, che puoi fare tranquillamente a casa, riescono a rilevare la gravidanza ancora prima.

    La dottoressa Tiffanny Jones, endocrinologa dell’apparato riproduttivo e specialista in infertilità, ci spiega le differenze tra test di gravidanza precoci e standard, cos’è la gonadotropina cronica umana (hCG) (e perché è importante) e quando si può fare il test di gravidanza. 

    Ricorda che il calcolo per il test di gravidanza può aiutarti a capire cosa osservare nel test e quando è il momento migliore per farlo. Questi strumenti hanno uno scopo puramente informativo; non possono e non devono essere utilizzati per confermare una gravidanza. Se sospetti di essere incinta, consulta il tuo medico che ti spiegherà come ottenere un risultato più accurato.

    I test di gravidanza sono diversi tra loro?

    Se hai mai osservato i test di gravidanza esposti in una farmacia, probabilmente hai notato che ne esistono molti. Se non sei pratica, la scelta sembra complicata. Tuttavia, in genere, i test di gravidanza possono essere suddivisi in due categorie: precoci e standard. 

    I test di gravidanza standard sono test delle urine che rilevano la gonadotropina cronica umana (hCG, un ormone che il corpo rilascia all’inizio della gravidanza) che rappresenta il primo indicatore del possibile concepimento. 

    È consigliabile aspettare fino al primo giorno di ritardo delle mestruazioni o almeno 21 giorni dall’ultimo rapporto non protetto prima di fare uno di questi test. Aspettare può sembrare impossibile, ma è l’unico modo per dare il tempo al corpo di produrre livelli di hCG sufficienti da poter essere rilevati dal test e ottenere un risultato più affidabile possibile. 

    I test di gravidanza precoci sono più sensibili all’hCG e possono dare un risultato positivo ancor prima del ritardo mestruale. 

    “Un test di gravidanza precoce è un test delle urine in grado di rilevare livelli molto bassi dell’ormone della gravidanza [ne parleremo meglio più avanti], alcuni anche già cinque giorni prima del ritardo”, afferma la dottoressa Jones.

    Scopri di più con Flo!

    L’app su salute e benessere più popolare con contenuti creati con oltre 100 esperti di salute e medicina e istituzioni mediche accreditate.

    Quando risulta positivo un test di gravidanza?

    Siamo realisti: precisione e affidabilità sono probabilmente i concetti più importanti nella tua mente quando pensi a un test di gravidanza. Nessuno vuole un risultato falsato.

    Se usati correttamente (seguendo le istruzioni sulla confezione), i test di gravidanza standard sono considerati estremamente attendibili, con un grado di precisione di circa il 99%. Tuttavia, prima fai il test di gravidanza, più è difficile rilevare l’hCG. Sebbene si possa fare un test di gravidanza standard al primo giorno di ritardo, è generalmente consigliato attendere almeno una settimana per ottenere un risultato più attendibile ed evitare un falso negativo (quando il test restituisce un risultato negativo, ma in realtà si è incinta).

    Secondo vari studi, i test eseguiti il primo giorno di ritardo delle mestruazioni possono avere una sensibilità del 90% nel rilevare l’hCG. La sensibilità raggiunge il 97% se attendi una settimana dall’inizio del ritardo. 

    Quando risulta positivo un test di gravidanza precoce?

    Nonostante i test di gravidanza precoci possano essere molto utili nel caso di un problema con il contraccettivo, se stai provando a rimanere incinta da molto tempo o se assumi farmaci potenzialmente dannosi per una gravidanza, è importante sapere che questi test sono considerati meno accurati. Infatti, i livelli di hCG sono bassi all’inizio della gravidanza e il test potrebbe non essere in grado di rilevarli, pertanto potresti ottenere un risultato falso. È raro che un test restituisca un risultato falso positivo, ma potresti ottenere un falso negativo se il test non riesce a rilevare l’hCG nelle urine. 

    I livelli di hCG aumentano nel corso del primo trimestre. Per questo più tempo aspetti, più accurato sarà il test.

    I livelli di hCG variano?

    Per sapere quando fare il test di gravidanza bisogna sapere quando l’ormone hCG inizia a essere rilevabile. Il corpo inizia a produrre l’hCG nel sangue e nelle urine quando l’embrione (ovulo fecondato) si annida nella parete uterina. Questo può succedere in un intervallo di tempo che va da sei giorni a due settimane dopo la fecondazione (concepimento). L’hCG è considerato uno degli indicatori di gravidanza più precoci. 

    In generale, i livelli di hCG raddoppiano ogni 48 ore nel primo trimestre, raggiungendo il picco intorno alle 10 settimane. Successivamente, iniziano a calare. Tuttavia, i livelli di hCG possono differire da persona a persona e la dottoressa Jones spiega che il rilevamento dell’ormone può variare nelle primissime fasi della gravidanza a seconda di quando si fa il test.  

    “Il [rilevamento del] livello di hCG può essere negativo a inizio gravidanza se il test viene effettuato troppo presto”, afferma. “Questo può dipendere dalla capacità di rilevamento del test (se il test non è abbastanza sensibile) o se [il test viene eseguito in] un giorno troppo vicino all’ovulazione”, quando il corpo non ha ancora prodotto una quantità sufficiente dell’ormone. 

    Se il risultato del test di gravidanza è positivo, il medico potrebbe prescrivere anche un esame del sangue per controllare i livelli di hCG.

    Test di gravidanza: quando farlo?

    “Il momento migliore è dopo il ritardo delle mestruazioni”, afferma la dottoressa Jones. Come sappiamo, a questo punto i livelli di hCG saranno tali da consentire a un test standard di rilevarli. Ma un’attesa di due settimane può essere snervante. Cerca di essere indulgente con te stessa in questo periodo di attesa. Ignorare ogni sensazione o emozione potrebbe essere difficile, ma prova a parlare con le persone che ami se sei preoccupata, e cerca di rilassarti e distrarti fino al momento fatidico.

    Dopo quanti giorni di ritardo delle mestruazioni fare il test di gravidanza

    Se hai saltato le mestruazioni, è il momento giusto per fare il test. Puoi fare un test di gravidanza standard a partire dal primo giorno di ritardo. Se è positivo, puoi rivolgerti al tuo medico che ti indicherà cosa fare.

    Quanti giorni dopo l’ovulazione fare il test di gravidanza

    L’ovulazione è il processo del ciclo mestruale in cui le ovaie rilasciano un ovulo. Di norma, l’ovulo è fecondabile per un periodo di 24 ore da uno spermatozoo che entra in vagina attraverso un rapporto sessuale non protetto. 

    Sapere quando ovuli e quando sei nel periodo fertile (il periodo del ciclo mestruale in cui hai maggiori probabilità di rimanere incinta), può aiutarti a interpretare meglio eventuali variazioni nel corso del ciclo. 

    Aspetta almeno due settimane dopo l’ovulazione prima di fare un test di gravidanza. L’impianto dell’embrione nella membrana uterina e la conseguente produzione di hCG possono richiedere da 6 a 14 giorni.

    Dopo quanti giorni dal rapporto si può fare il test di gravidanza

    Se hai avuto rapporti sessuali non protetti, ti starai chiedendo quando puoi fare un test di gravidanza. Anche in questo caso, si applicano le linee guida generali. Se monitori le mestruazioni (è facile usando un’app come Flo), sai che hai un ciclo regolare, per esempio è sempre di 26 giorni, e ti domandi quando fare il test, ti consigliamo di fare un test di gravidanza standard il primo giorno di ritardo. Se attendi una settimana dal primo giorno del ritardo, il risultato può essere ancora più accurato.  

    Se hai un ciclo irregolare (a causa di squilibri ormonali, stress o altri fattori) o se non sai quando dovresti avere le mestruazioni, è consigliabile attendere almeno 14 giorni dal rapporto prima di fare il test di gravidanza. 

    Se non desideri avere un bambino e hai avuto rapporti non protetti, puoi usare un contraccettivo di emergenza entro 3-5 giorni dal rapporto.

    Quando fare il test di gravidanza durante l’allattamento al seno

    Sebbene possa influire sugli ormoni, procurandoti un aumento dell’ossitocina (l’ormone dell’amore), l’allattamento al seno non influisce sul risultato del test di gravidanza. Il corpo produce l’ormone hCG solo se sei incinta.

    Il mancato arrivo delle mestruazioni è l’indicatore più evidente di una possibile gravidanza, ma è poco utile se hai partorito da poco, perché le mestruazioni potrebbero non essere ancora ritornate.

    Se allatti al seno dopo il parto, il ripristino della regolarità mestruale può richiedere dai 9 ai 18 mesi, il che è assolutamente normale, perché i livelli ormonali cambiano durante l’allattamento al seno e possono inibire l’ovulazione. Questo significa anche che le probabilità di rimanere incinta durante l’allattamento al seno sono più basse, ma non è impossibile; nei primi sei mesi dopo il parto potresti comunque ovulare e quindi rimanere incinta. Alcuni studi hanno evidenziato che due terzi delle donne ovulano prima che si verifichi il sanguinamento vaginale nel periodo dopo il parto. 

    Di conseguenza, se hai avuto rapporti durante il periodo di allattamento al seno e pensi che ci sia una possibilità di essere rimasta incinta, fai un test di gravidanza standard il primo giorno di ritardo delle mestruazioni o due settimane dopo il rapporto. È importante sottolineare che i livelli di hCG si azzerano entro 7-60 giorni dopo il parto; quindi, se fai un test di gravidanza in questo intervallo di tempo, potrebbe essere rilevato l’ormone relativo alla precedente gravidanza. 

    Se pensi di essere incinta ma non hai ancora le mestruazioni per monitorare un eventuale ritardo, consulta il tuo medico spiegando tutti i tuoi sintomi e quando hai avuto l’ultimo rapporto non protetto. Il medico ti aiuterà a stabilire se sei o meno in dolce attesa.

    Quando si può fare un test di gravidanza dopo un aborto spontaneo

    Un aborto spontaneo può essere un’esperienza estremamente intensa e dolorosa, che comporta anche molti cambiamenti fisici. Dopo un evento di questo tipo, i livelli di hCG potrebbero impiegare dalle quattro alle sei settimane per calare e questo varia a seconda dello stato di avanzamento della gravidanza prima dell’aborto. 

    Il medico potrebbe farti eseguire un test di gravidanza nelle settimane che seguono l’aborto per verificare che tutti gli ormoni siano tornati ai livelli precedenti alla gravidanza. Un risultato positivo potrebbe avere diversi significati. Il medico ti aiuterà a capire qual è il tuo caso.

    Se stai cercando una gravidanza, forse ti domandi se puoi rimanere incinta dopo un aborto e vorresti provare al più presto. Molti medici consigliano di aspettare le successive mestruazioni regolari prima di riprovare a concepire per dare al tuo corpo il tempo di guarire completamente. Chiedi sempre consiglio al tuo medico.

    L’American College of Obstetricians and Gynecologists spiega che rimanere incinta già due settimane dopo un aborto spontaneo è possibile in caso di rapporti non protetti. Se questo è il tuo caso, l’hCG rilevato dal test potrebbe indicare una nuova gravidanza. 

    In questa situazione, piuttosto che fare il test di gravidanza a casa, la dottoressa Jones suggerisce che “un esame del sangue sarebbe meglio”. Il medico esaminerà i livelli di hCG e potrebbe chiederti di ripetere il test dopo 48 ore. 

    “Un aumento [dei livelli di hCG] di almeno il 35% può indicare una nuova gravidanza. Se invece i livelli diminuiscono, si tratta dell’ormone prodotto con la gravidanza precedente”, spiega la dottoressa Jones.

    Quando fare un test di gravidanza precoce

    Come abbiamo visto, scegliere un test di gravidanza standard può comportare un po’ di attesa. Tuttavia, sarai certa di ottenere un risultato più attendibile rispetto a quello restituito dai test precoci, quindi forse vale la pena di aspettare.  

    Se pensi di poter essere incinta o se stai provando a concepire e quest’attesa ti sembra troppo lunga, puoi fare un test di gravidanza precoce. La buona notizia è che esiste un test di gravidanza precoce pensato appositamente per essere eseguito cinque giorni prima delle mestruazioni, quindi prima dell’eventuale ritardo. Se non conosci esattamente tale data, puoi monitorare il tuo ciclo mestruale usando un’app come Flo per calcolare il giorno giusto per fare il test. 

    Se il test è positivo, rivolgiti al tuo medico e conferma il risultato con un test standard il primo giorno di ritardo o 21 giorni dopo il rapporto non protetto.

    Come fare un test sulle urine a casa

    Pensi di essere incinta e hai appena comprato un test? Ora è il momento di farlo. 

    I test sulle urine, precoci o standard, possono variare leggermente a seconda della marca. Tuttavia, tutti rilevano l’hCG e, se segui le istruzioni, possono essere estremamente accurati. 

    Quando sei pronta per fare il test: 

    • Leggi tutte le istruzioni incluse nella confezione. Lavati le mani e assicurati di fare il test in un ambiente pulito. 
    • Rimuovi il test di gravidanza dalla confezione. Per eseguirlo dovrai urinare direttamente sul test oppure in un recipiente pulito in cui immergerai l’estremità assorbente dello stick. Nella confezione troverai le indicazioni precise. 
    • Una volta immersa l’estremità assorbente nelle urine, posiziona lo stick su una superficie piana, rivolto verso l’alto (in modo da poter vedere la finestrella dei risultati).
    • Ora non devi fare altro che attendere il risultato. I tempi possono variare da 1 a 10 minuti. Marche di test di gravidanza diverse hanno tempi di reazione (il tempo necessario per mostrare il risultato) diversi. Assicurati di leggere attentamente le istruzioni. 
    • Ogni marca presenta i risultati, positivi o negativi, in modo diverso è quindi molto importante leggere le istruzioni per interpretare correttamente il risultato del test. 

    Se il test è positivo, consulta il tuo medico che ti consiglierà cosa fare. 

    Ti è piaciuto questo articolo? Scopri di più su altri argomenti come: cos’è l’impianto e come riconoscerlo o esistono le posizioni per concepire una femmina?

    Bibliografia

    Betz, Danielle e Kathleen Fane, “Human Chorionic Gonadotropin”, StatPearls, StatPearls Publishing, 2021.

    Calik-Ksepka, Anna, et al., “Lactational Amenorrhea: Neuroendocrine Pathways Controlling Fertility and Bone Turnover”, International Journal of Molecular Sciences, vol. 23, n. 3, gennaio 2022, https://doi.org/10.3390/ijms23031633.

    Campbell, O. M.e R. H. Gray, “Characteristics and Determinants of Postpartum Ovarian Function in Women in the United States”, American Journal of Obstetrics and Gynecology, vol. 169, n. 1, luglio 1993, pp. 55–60.

    “Pregnancy”, U.S. Food and Drug Administration, www.fda.gov/medical-devices/home-use-tests/pregnancy. Consultato il 27 settembre 2022.

    Chauhan, Gaurav e Prasanna Tadi, “Physiology, Postpartum Changes”, StatPearls, StatPearls Publishing, 2021.

    “Early Pregnancy Loss”, The American College of Obstetricians and Gynecologists, www.acog.org/womens-health/faqs/early-pregnancy-loss?utm_source=redirect&utm_medium=web&utm_campaign=otn. Consultato il 27 settembre 2022.

    Gnoth, C. e S. Johnson, “Strips of Hope: Accuracy of Home Pregnancy Tests and New Developments”, Geburtshilfe und Frauenheilkunde, vol. 74, n. 7, luglio 2014, pp. 661–69.

    Makrigiannakis, Antonis, et al., “The Role of hCG in Implantation: A Mini-Review of Molecular and Clinical Evidence”, International Journal of Molecular Sciences, vol. 18, n. 6, giugno 2017, https://doi.org/10.3390/ijms18061305.

    “Menstruation”, La Leche League International, 23 gennaio 2018, www.llli.org/breastfeeding-info/menstruation/.

    “Miscarriage: Diagnosis”, NHS, www.nhs.uk/conditions/miscarriage/diagnosis/. Consultato il 27 settembre 2022.

    “Pregnancy Tests”, Cleveland Clinic, my.clevelandclinic.org/health/articles/9703-pregnancy-tests. Consultato il 27 settembre 2022.

    Johnson, Sarah R., et al., “Accuracy of a Home-Based Device for Giving an Early Estimate of Pregnancy Duration Compared with Reference Methods”, Fertility and Sterility, vol. 100, n. 6, dicembre 2013, pp. 1635–41.

    “The Physiological Basis of Breastfeeding”, Infant and Young Child Feeding: Model Chapter for Textbooks for Medical Students and Allied Health Professionals, Organizzazione Mondiale della Sanità, 2009.

    “Use of Fertility Awareness (NFP) after Early Pregnancy Loss”, Fertility Appreciation Collaborative to Teach the Science, 16 dicembre 2017, www.factsaboutfertility.org/use-of-fertility-awareness-nfp-after-early-pregnancy-loss/.

    “Doing a Pregnancy Test”, NHS, www.nhs.uk/pregnancy/trying-for-a-baby/doing-a-pregnancy-test/. Consultato il 27 settembre 2022.

    “Emergency Contraception (Morning After Pill, IUD)”, NHS, 19 luglio 2022, www.nhs.uk/conditions/contraception/emergency-contraception/.

    Wilcox, A. J., et al., “Natural Limits of Pregnancy Testing in Relation to the Expected Menstrual Period”, The Journal of the American Medical Association, vol. 286, n. 14 ottobre 2001, pp. 1759–61.

    Cronologia aggiornamenti

    Versione attuale (14 giugno 2023)

    Revisione medica di Dottoressa Jennifer Boyle, Specialista in ginecologia e ostetricia, Massachusetts General Hospital, Massachusetts, Stati Uniti

    Pubblicato il (14 giugno 2023)

    In questo articolo

      Sign up for our newsletter

      Our latest articles and news straight to your inbox.

      Thanks for signing up

      We're testing right now so not collecting email addresses, but hoping to add this feature very soon.