Catalogo della salute
Catalogo della salute
Strumenti
Strumenti
    Flo a due è arrivata! Scopri come iscriverti e tutti i vantaggi

    Perdite bianche durante i rapporti: cosa sono e perché si verificano?

    Aggiornato il 15 dicembre 2022 |
    Pubblicato il 21 dicembre 2022
    Fonti Verificate
    Dottoressa Anna Targonskaya
    Revisione medica di Dottoressa Anna Targonskaya, Specialista in ostetricia e ginecologia
    Standard di fact-checking di Flo

    Tutti i contenuti di Flo Health rispettano i massimi standard editoriali di accuratezza linguistica, stilistica e medica. Per scoprire cosa facciamo per fornirti le migliori informazioni sulla salute e lo stile di vita, consulta i nostri principi di verifica dei contenuti.

    Le perdite bianche durante i rapporti sessuali sono più frequenti di quanto immagini. Ecco cosa dovresti sapere.

    Hai mai notato che il tuo corpo produce perdite bianche durante la masturbazione o dopo un rapporto completo? Non sei la sola! Una delle frasi più cercate su Google è proprio "perdite bianche durante i rapporti". Ma cosa sono queste perdite? E perché si verificano?

    Molto probabilmente avrai già sentito usare il termine "bagnarsi" quando si parla di sesso in qualche corso di educazione sessuale, contenuto pornografico o semplicemente parlando con gli amici. Tuttavia, le perdite bianche che il tuo corpo rilascia durante i rapporti sono la stessa sostanza mucosa che puoi trovare sulla biancheria di tanto in tanto. Potrebbero avere un aspetto un po’ diverso, forse più consistente e trasparente o più sottile e umido. 

    Qualunque sia il loro aspetto, le perdite bianche fanno parte del normale processo fisiologico che accompagna i rapporti sessuali. Rappresentano, infatti, la risposta naturale del corpo all'eccitazione e contribuiscono alla lubrificazione. 

    Tieni presente che quando si parla di salute intima non esiste mai una ricetta che vada bene per tutti, quindi le tue perdite bianche saranno probabilmente diverse da quelle di un'amica o partner. La consistenza e il colore possono essere influenzate da diversi fattori, che esamineremo più avanti.

    Conoscere l'aspetto delle perdite sane aiuta a individuare possibili infezioni e a capire quando è il caso di consultare un professionista. Ecco cosa dovresti sapere.

    Perdite bianche durante i rapporti: come sono le perdite vaginali normali?

    Perdite bianche durante i rapporti

    Come accennato sopra, le perdite vaginali sane possono variare nell'aspetto, nella consistenza e nel colore da persona a persona. Prima di concentrarci sull'aspetto, vediamo a cosa servono.

    La vagina (o la parte interna dei genitali) è un organo autopulente, proprio grazie alle perdite. Il fluido viene rilasciato dalle ghiandole della cervice e della vagina per espellere eventuali batteri e cellule invecchiate che potrebbero causare infezioni. Sono un po' come il bagnoschiuma del corpo, quindi per l'igiene intima non occorre usare altro che acqua. 

    Normalmente, la produzione di perdite inizia alcuni mesi prima del menarca, per poi ridursi con l'avvicinarsi della menopausa.

    Non si può parlare di perdite "normali" perché ogni persona è diversa dall'altra. Il servizio sanitario nazionale del Regno Unito (NHS) indica che le perdite vaginali sane sono di colore bianco o trasparente e non hanno un odore forte o sgradevole. 

    Tuttavia, se le tue perdite sono molto cremose o appiccicose non devi preoccuparti. Le perdite possono anche essere più fluide e filamentose, simili all'albume, questo indica che l'ovulazione (rilascio di un ovulo dalle ovaie) è vicina. 

    Non spaventarti se le tue perdite lasciano una macchia giallina o bianca sulla biancheria o sulle lenzuola: è del tutto normale e capita a moltissime persone (anche se non se ne parla).

    Perdite bianche durante i rapporti: perché si verificano?

    Forse ti starai chiedendo in che modo le perdite vaginali che produci normalmente siano legate alla naturale lubrificazione prodotta dal corpo in caso di eccitazione. 

    In parole semplici, lo scopo principale di qualsiasi perdita è quella di inumidire la vagina. Tuttavia, anche in prossimità dell'ovulazione, quando probabilmente noti più perdite del solito sulla biancheria, la vagina potrebbe non essere abbastanza umida da consentire un rapporto sessuale piacevole.

    Per questo, l'eccitazione sessuale scatena alcuni fattori che aiutano ad aumentare la lubrificazione. L'eccitazione aumenta il flusso sanguigno verso la vulva, causando la dilatazione dei vasi sanguigni per consentire al sangue di passare attraverso le sue pareti. Le ghiandole di Bartolini (nella vulva appena fuori dall'apertura vaginale) e le ghiandole di Skene (intorno all'uretra) producono entrambe un eccesso di fluido per ridurre la frizione e l'irritazione della penetrazione. Spesso questo fluido è di colore bianco.

    Non esiste una regola in merito alla quantità di perdite che "dovresti" produrre durante l'eccitazione, né si può dire mai di essere troppo bagnate. Tuttavia, se durante i rapporti non produci una lubrificazione naturale sufficiente per non avvertire fastidio, la causa potrebbe risiedere nei livelli ormonali, in eventuali farmaci che assumi (come i contraccettivi ormonali) o nel tipo di attività sessuale che stai praticando. 

    Parlando di livelli ormonali, anche la fase del ciclo mestruale può influire. I livelli di estrogeni sono più bassi all'inizio del ciclo mestruale, quindi potresti notare meno perdite bianche durante i rapporti. 

    Perdite bianche durante i rapporti: in che modo le perdite vaginali sono legate al ciclo mestruale?

    Le mestruazioni, le perdite che si verificano nel corso del mese e le perdite bianche dopo un rapporto completo potrebbero sembrare eventi distinti l'uno dall'altro, ma in realtà sono intrinsecamente collegati. 

    La pubertà causa variazioni ormonali nel corpo, compresa la produzione di perdite con l'avvicinarsi delle prime mestruazioni. 

    Durante le mestruazioni, la membrana uterina si sfalda e fuoriesce sotto forma di sangue misto a perdite. Circa una settimana dopo le mestruazioni, qualche giorno prima dell'ovulazione, le perdite sono più elastiche, trasparenti, simili nella consistenza all'albume. Questo è dovuto all'aumento dei livelli di estrogeni, mentre le ovaie si preparano a rilasciare un ovulo.

    Verso la metà del ciclo, durante l'ovulazione, le perdite possono sembrare più scivolose o sottili, mentre durante la seconda parte del ciclo mestruale, dopo l’ovulazione e prima delle mestruazioni, le perdite potrebbero essere più bianche e cremose. In questo periodo, le perdite vaginali sane sono tipicamente bianche, cremose, lattiginose o tipo ricotta, talvolta dense. 

    Finché le perdite non hanno un odore forte, sgradevole e non sono accompagnate da sintomi come prurito, bruciore, minzione dolorosa o rapporti sessuali dolorosi, probabilmente sono normali.

    Perdite bianche durante i rapporti: cause delle perdite vaginali più abbondanti

    Non è facile individuare lievi variazioni delle perdite vaginali. Tuttavia, se ti accorgi che il colore e la consistenza sono cambiati, non allarmarti. 

    Probabilmente dipende dalla fase del ciclo in cui ti trovi e dal tuo stato di eccitazione, dunque nulla di cui preoccuparsi.

    Ad esempio, se le alterazioni delle perdite si verificano poco prima o durante un rapporto sessuale, potrebbe trattarsi semplicemente della risposta dell'organismo all'eccitazione. Con l'aumento del flusso sanguigno verso i genitali, le perdite vengono spinte in superficie per agevolare la lubrificazione. Potresti sentirti bagnata anche dopo il rapporto. 

    Inoltre, il tuo corpo rilascia più estrogeni nei giorni che precedono l'ovulazione e anche questo causa una variazione delle perdite vaginali durante l'ovulazione. Potrebbe essere utile monitorare il ciclo mestruale con un’app come Flo per aiutarti a capire cosa succede. 

    I livelli di estrogeni sono elevati anche durante le prime fasi della gravidanza, quindi potresti avere più perdite del solito; è uno dei modi in cui il corpo protegge l'ovulo fecondato dalle infezioni. Le perdite sane all’inizio e durante la gravidanza dovrebbero avere lo stesso aspetto del solito.

    Perdite bianche durante i rapporti: le mie perdite sono sane?

    Esiste una serie di segnali o cambiamenti che puoi osservare nelle perdite vaginali o nel tuo stato di salute generale per capire se hai un'infezione: 

    • alterazione del colore
    • alterazione dell'odore
    • altri sintomi come dolore, bruciore o prurito nell'area intorno o all'interno della vagina

    Alterazione del colore 

    Sebbene la consistenza delle perdite bianche che vedi dopo un rapporto completo possa essere variabile nel corso del ciclo mestruale, quando sei incinta o eccitata il colore dovrebbe essere sempre trasparente o bianco latte. 

    Se le perdite sembrano contenere sangue, avere sfumature rosse o marroni, durante le mestruazioni, è del tutto normale. Tuttavia, copiosi episodi di spotting o sanguinamento tra le mestruazioni, potrebbero essere la spia di un problema.

    I fibromi uterini, ovvero formazioni all'interno dell'utero, possono causare il sanguinamento tra le mestruazioni. Analogamente, i polipi cervicali (formazioni sulla cervice) possono causare lo spotting. Entrambe queste patologie sono curabili e il tuo medico saprà consigliarti il trattamento più adeguato per gestire i tuoi sintomi. 

    Infezioni sessualmente trasmissibili 

    Se le perdite sembrano gialle o verdi e iniziano ad avere un cattivo odore, potrebbe esserci un problema. Alcune infezioni sessualmente trasmissibili, come la clamidia e la gonorrea, possono causare il colore giallo o verde delle perdite. 

    Gli altri sintomi possono includere minzione dolorosa, dolore pelvico e dolore durante i rapporti sessuali. In alcune persone la clamidia e la gonorrea si presentano in modo asintomatico, quindi è importante avere rapporti sessuali protetti utilizzando preservativi o metodi barriera simili. Se sospetti una possibile esposizione a una infezione sessualmente trasmissibile, prenota un test. 

    La tricomoniasi è un'altra infezione sessualmente trasmissibile che può causare l'aspetto giallo o verde delle perdite vaginali. L'NHS sottolinea che l'infezione è causata da un piccolo parassita chiamato Trichomonas Vaginalis (TV) e i sintomi esordiscono spesso entro un mese dal contagio. Tuttavia, l'infezione è asintomatica in fino alla metà dei casi. Se temi di aver contratto la tricomoniasi, prenota un test.

    Vaginite batterica

    Se noti che le perdite assumono un colore grigio o un cattivo odore che somiglia a un forte odore di "pesce", la causa potrebbe essere la vaginite batterica. La vaginite batterica è un'infezione a carattere infiammatorio causata da un'eccessiva proliferazione dei batteri presenti in vagina. Può essere scatenata dall'uso di lavande vaginali o lavaggi intensivi della vagina. 

    Nella maggior parte delle persone, la vaginite batterica è facilmente curabile con un ciclo di antibiotici, lozioni o gel. Prenota una visita specialistica se pensi di avere un problema.

    Candidosi 

    La candidosi (o candida) è un'altra patologia molto frequente che può provocare alterazioni delle perdite vaginali che possono risultare più spesse, più bianche e con una consistenza tipo ricotta. Questi sintomi indicano un'infezione da candidosi, spesso accompagnata da bruciore o prurito. 

    Il medico può prescriverti farmaci antifungini, sotto forma di ovuli o pastiglie da assumere per via orale o anche una pomata per alleviare l'irritazione.

    Malattia infiammatoria pelvica

    La malattia infiammatoria pelvica è un'infezione che si verifica quando i batteri si diffondono dalla vagina alla cervice. Possono raggiungere l'utero, le tube uterine e le ovaie. In questo caso, potresti notare perdite di colore giallastro e altri sintomi come mestruazioni abbondanti o dolorose, dolore al basso addome e fastidio durante i rapporti sessuali. 

    Se presa in tempo, questa malattia può essere curata facilmente con antibiotici e antidolorifici da banco. 

    Perdite bianche durante i rapporti: quando consultare il medico

    Le perdite bianche durante i rapporti sono sane e normali. Rappresentano la risposta naturale del corpo al piacere e aiutano la lubrificazione. Più intensa è l'eccitazione, più perdite può produrre il corpo.

    Tuttavia, se dopo un rapporto noti che le perdite bianche cambiano colore o assumono un odore diverso oppure se inizi ad avvertire sintomi come stanchezza, dolore pelvico, sanguinamenti tra una mestruazione e l’altra, bruciore o prurito, prenota una visita medica.

    Tenere traccia delle variazioni di perdite e sintomi in un’app di monitoraggio del ciclo come Flo può aiutare il tuo medico a verificare i sintomi e a capire cosa stia succedendo. In aggiunta, il medico potrebbe sottoporti a una visita pelvica e chiederti della tua vita sessuale e del tuo stato di salute in generale.

    Se la diagnosi non risulta immediatamente evidente, il medico potrebbe eseguire un Pap test (tampone della cervice per prelevare un campione di cellule da analizzare) o prelevare un campione delle perdite per esaminarle al microscopio. È fondamentale ricordare che durante qualsiasi visita sei tu ad avere il controllo della situazione e che lo specialista che la esegue dovrebbe spiegarti in cosa consistono le procedure che intende praticare prima di iniziare. 

    Bibliografia

    “Vaginal Discharge.” Nhs.Uk, 18 agosto 2021, www.nhs.uk/conditions/vaginal-discharge. Consultazione del 12 novembre 2021.

    “Bacterial Vaginosis | Office on Women’s Health.” Office of Women’s Health, www.womenshealth.gov/a-z-topics/bacterial-vaginosis. Consultazione del 12 novembre 2021.

    Evans, Milly. “Should You Clean Your Vagina?” Patient, 23 ottobre 2019, patient.info/news-and-features/should-you-clean-your-vagina. Consultazione del 12 novembre 2021.

    Harvard Health. “Cervical Polyps.” Harvard Health, 11 febbraio 2019, www.health.harvard.edu/a_to_z/cervical-polyps-a-to-z#:%7E:text=Cervical%20polyps%20are%20growths%20that,occur%20alone%20or%20in%20groups. Consultazione del 12 novembre 2021.

    How to Check Your Cervical Mucus and Detect Ovulation.” Verywell Family, 28 aprile 2021, www.verywellfamily.com/checking-cervical-mucus-to-get-pregnant-faster-1960279. Consultazione del 12 novembre 2021.

    Levin, R. J. “VIP, Vagina, Clitoral and Periurethral Glans — an Update on Human Female Genital Arousal.” Experimental and Clinical Endocrinology & Diabetes, vol. 98, n. 05, 2009, pp. 61–69. Crossref, doi:10.1055/s-0029-1211102. Consultazione del 12 novembre 2021.
     

    Cronologia aggiornamenti

    Versione attuale (15 dicembre 2022)

    Revisione medica di Dottoressa Anna Targonskaya, Specialista in ostetricia e ginecologia

    Pubblicato il (21 dicembre 2022)

    In questo articolo

      Scarica l’app Flo Scarica l’app Flo Scarica l’app Flo